venerdì 28 agosto 2009

Avaria per la sonda LCROSS

Un guasto all'Internal Reference Unit (IRU) ha causato l'intervento dello Star Tracker (il dispositivo che controlla l'assetto della sonda basandosi sulla posizione di alcune stelle).
La correzione di assetto è però durata molto più del previsto causando un consumo anomalo di carburante. La direzione della missione ha detto che il carburante restante è sufficiente al completamento della missione, ma occorre prestare la massima attenzione agli avvii automatici delle correzioni di assetto che potrebbero verificarsi ancora, anche se dopo un riavvio completo il sistema di navigazione sembra in perfetta efficienza. A questo scopo il Controllo Missione sta verificando tutte le possibili cause dell'avaria e conferma che l'impatto sulla zona polare sud della Luna continua ad essere previsto alle 13:30 CEST del 9 ottobre.

La missione della sonda LCROSS è quella di attraversare la nuvola di materiale sollevato durante lo schianto del terzo stadio del vettore che ha lanciato la sonda (insieme alla compagna di viaggio LRO) e verificare se esiste acqua sul fondo dei crateri perennemente in ombra della zona polare.


fonte: astroworld

Read more...

giovedì 27 agosto 2009

Il “Project ISIS” del KGB. Trovata una mummia extraterrestre nel 1945?


Questa è la storia di una registrazione video, che fa parte di un presunto “Project ISIS” dell’ex KGB. La scoperta fu quella di una tomba in Egitto, nella piana delle piramidi di Giza, nel lontano 1945, che conteneva il corpo di un presunto extraterrestre (il visitatore Osiris). L’evidenza sarebbe stata mostrata in un documentario, andato in onda nel 1999, e che dimostrerrebe che questo corpo risalirebbe al 10.500 Avanti Cristo. L’età è stata stabilita, oltre che col C14, anche con l’allineamente delle stelle all’epoca. I russi hanno dovuto ricreare attraverso il computer l’esatta posizione delle stelle, durante la costruzione delle piramidi. Essi hanno mostrato questa animazione e hanno mostrato che l’allineamento delle stelle, con le tre piramidi di Giza risaliva proprio a quella data. Il video mostra il ritrovamente della mummia “aliena”, lunga circa due metri e la sua testa è stata ricostruita al computer. I russi hanno così scoperto che era identica a quella dei famigerati “Grigi”.

IL PROGETTO “ISIS”

Il “Project ISIS” è un presunto progetto, inserito in un segreto dossier sovietico, le cui conclusioni porterebbero a credere che l’Egitto sia stato fondato dagli extraterrestri. Nella mitologia egiziana, il primo faraone fu Osiride, ucciso e poi resuscitato dalla morte dalla moglia, Isis. Da ciò si porterebbe a credere che non solo Osiride fu un personaggio reale ma che fu, effettivamente, un extraterrestre che avrebbe portato l’umanità alla civiltà. Dopo la sua morte fu mummificato e sepolto in una località segreta. Poi sarebbe stata scoperta e da lì nacque il “Project ISIS”. Quando i sovietici scoprirono e aprirono la tomba, molti di loro morirono per cause ignote. I pochi rimasti non solo avrebbero recuperato il corpo di un “extraterrestre” mummificato, ma avrebbero prelevato numerosi dispositivi tecnologici deposti a fianco al presunto “essere spaziale”. Questo avvenimento portò alcuni membri degli appartenenti al progetto a formare un gruppo simile a un culto, dedito ad adorare l’extraterrestre come Dio e di conseguenza il presunto “visitatore delle stelle” cercò di aiutarli a ripristinare il controllo del genere umano. Un progetto di ricerca, condotto dal KGB, a metà degli anni che partono dal 1950 e finiscono al 1960, denominato “Progetto Isis” avrebbe avuto al suo interno, come responsabile, nientedimeno che Nikita Krusciov. Il cuore dei risultati di questo progetto sarebbe stato, come anticipato sopra, la scoperta di un sarcofago egizino, che conteneva la mummia di un umanoide alieno, arrivato in Egitto nel 10.500 avanti Cristo. Questa strana storia sulla grande piramide di Giza, si può leggere in una edizione del magazine egiziano “Rose El-Yussuf”. Secondo questo articolo, apparso nel 1988, l’egittologo francese Louis Caparat avrebbe scoperto una stanza segreta nella grande piramide di Cheope (il vero nome del faraone era Khufu). In questa grande sala, secondo l’articolo, sarebbe stata trovata una scatola, con all’interno un extraterrestre. A prima vista l’umanoide sembrava essere in uno “stato sospeso” o in uno stato di morte apparente. Caparat afferma anche di aver trovato un papiro, nel quale si affermerebbe una riunione avuta tra il faraone Khufu e l’extraterrestre, nel quale quest’ultimo afferma che un giorno o l’altro sarebbero ritornati sulla Terra gli extraterrestre della sua stessa specie. Inoltre l’umanoide spaziale avrebbe consigliato a Khufu di far costruire un monumento a forma di piramide, ivi incluso il sarcofago, utile in caso di trapasso dell’extraterrestre. Caparat avrebbe poi contattato un suo amico collega spagnolo, il biologo Francisco de Braga, di venire subito in Egitto e di prendere un campione di sangue, tessuto e cellule per analizzare il DNA del presunto extraterrestre. Una volta sceso al Cairo, de Braga fu arrestato dalle autorità egiziane e rimpatriato in Spagna con un aereo. Infine, sempre secondo l’articolo del giornale egiziano, il corpo del presunto extraterrestre sarebbe custodito in un laboratorio, sotto stretto controllo dell’Intelligence militare egiziana.

Sintesi e traduzione (dal francese) da http://chris-tof.vefblog.net/4.html

Nota Redazione CUT (Centro Ufologico Taranto), noi non ci esprimiamo sulla veridicità della notizia, visto che manca l’articolo del giornale egiziano del 1988, visto che sembra una trama di un telefilm di X-Files. Il presunto video si può trovare cliccando su http://video.google.it e digitando la voce “KGB Secret Abduction Files” troverete il documentario (in inglese) in 8 parti, mandato in onda nel lontano 1999, dal circuito televisivo statunitense “Sci-Fi”. Ma lo potere trovare anche in lingua francese digitando la voce “Dossiers du KGB La découverte de la tombe du Visiteur”. Buona visione.


fonte: centro ufologico taranto

Read more...

martedì 25 agosto 2009

UFO / L'estate 2009 è quella degli UFO: record di avvistamenti in Italia, a Napoli il primato delle segnalazioni



Le ultime notizie sugli UFO, parlano di un estate da record, infatti sono quasi 1300 gli avvistamenti di Oggetti Volanti Non Identificati UFO appunto,registrati dal primo maggio ad oggi. A comunicarlo è il Centro Italiano Studi Ufologici, un’associazione culturale senza scopo di lucro che da anni raccoglie ed analizza le segnalazioni non identificate nel nostro Paese. Gli avvistamenti, a partire dai primi di maggio, sono andati via via crescendo nel corso dell’estate per raggiungere numeri eccezionali nel corso del mese di agosto. Dal punto di vista geografico è stata fortissima la concentrazione di avvistamenti UFO nelle province di Napoli (al primo posto) e di Roma (al secondo posto), mentre una gran quantità di casi ha avuto luogo lungo la fascia costiera adriatica che corre lungo le province di Ferrara, Forlì-Cesena, Rimini, Pesaro-Urbino ed Ancona.

A riferirlo è Giusepe Stilo, che sta curando per il CISU una prima schedatura delle informazioni raccolte. “Da maggio - spiega Stilo - una gran quantità di persone si è mobilitata in modo spontaneo per render note le proprie osservazioni di UFO, soprattutto attraverso Internet, con l’uso di ogni mezzo disponibile, quali social network, forum, blog, siti di associazioni ufologiche e spazi di comunicazione di ogni tipo”. Le descrizioni dei testimoni parlano soprattutto di luci in cielo in movimento lento, spesso di colore arancione-rossastro, ma non mancano racconti di luci dagli spostamenti rapidi e dalle traiettorie anomale.

Che cosa si nasconde dietro questa “ondata” di avvistamenti? “La maggior parte delle segnalazioni - sostiene Gian Paolo Grassino, presidente del CISU - è causata da avvistamenti delle cosiddette ‘lanterne cinesi’, ossia piccole mongolfiere, acquistabili su Internet, che vengono lanciate in occasione di feste o semplicemente per divertimento e che si presentano come dei corpi luminosi che si muovono lentamente in cielo spinti dal vento ”. “Si tratta - continua Grassino - di un evento nuovo per l’Italia ma già ben noto in altri Paesi europei come la Germania e la Gran Bretagna, dove sono già diffuse da almeno un paio d’anni”.

Il CISU ha inoltre registrato dei picchi di segnalazioni in coincidenza del passaggio di bolidi particolarmente luminosi (come, ad esempio, il 12 giugno) e numerose osservazioni di corpi astronomici, quali il pianeta Giove, assai luminoso in questo periodo. Rimangono poi molti altri casi di avvistamenti UFO privi ancora di una spiegazione sui quali si sta concentrando l’attenzione dei ricercatori.

Il Centro Italiano Studi Ufologici lancia un appello a quanti hanno avuto modo di osservare fenomeni che ritengono di non essere stati in grado di identificare a comunicarlo attraverso il suo sito Internet (www.cisu.org) o lasciando un messaggio al numero telefonico 011.30.78.63 CISU - Centro Italiano Studi Ufologici.

www.cisu.org

Read more...





SAN MARCO IN LAMIS. Proseguono gli avvistamenti di oggetti volanti non identificati, meglio noti come UFO. Questa volta è un nostro lettore che immortala due strani cerchi luminosi, lo scorso 20 Agosto furono invece quattro ragazzi foggiani a segnalare la presenza di “dischi luminosi fluttuanti e che cambiavano colore”.


Nello stesso momento venivano avvistati anche nella vicina San Giovanni Rotondo. La base militare di Amendola, dove regna lo scetticismo, riferisce che in quell’ora non erano presenti nella zona velivoli ne tantomeno esercitazioni in atto nello spazio aereo di competenza.

Puntualmente nei mesi estivi, in concomitanza con la magica notte di San Lorenzo le segnalazioni diventano sempre più frequenti, forse complice la voglia di poter esprimere un desiderio risolutore per il proprio destino, chissà.

Ma le foto inviate dal nostro lettore sembrano parlar chiaro, cosa sono quei due punti luminosi in alto a destra? Lo stesso autore delle foto si chiede se non sia stata l’afa a giocare brutti scherzi o qualche strano fenomeno meteorologico. Anche in questo caso il contributo fotografico non fa altro che alimentare in tutti noi i soliti dubbi, esistono o sono solo scherzi della natura a cui non si riesce a dare una logica spiegazione? La foto è stata scattata lungo l’autostrada tra San Severo e Termoli il 17 Agosto.

La seconda foto invece è stata fatta a bordo di un aereo di linea che in quel momento sorvolava l’Italia centrale (21 Agosto), in questo caso più che di un ufo sembra trattarsi di un razzo o vettore, di quelli utilizzati per il lancio dei satelliti, chiara infatti la scia creata dal calore del motore a contatto con l’aria rarefatta presente in alta quota. La domanda è d’obbligo , cosa ci faceva questo strano oggetto nei cieli italiani? Il mistero continua.

Sanmarcoinlamis.eu

Read more...

lunedì 24 agosto 2009

Ufo, nuovi avvistamenti a Foggia

foto di repertorio


In molti già parlano di psicosi da Ufo; ma in tanti, però, giurano di averli visti sopra il cielo di Capitanata. Dopo il primo avvistamento della settimana scorsa avvenuto nei pressi dell'aeroporto Gino Lisa, quando tre ragazzi, hanno filmato con il cellulare quattro luci rosse che cambiavano traiettoria continuamente, accelerano e ruotano su se stesse, ieri un gruppo di ragazze ha notato un altro oggetto insolito muoversi sopra le nostre testa. "Eravamo sul terrazzo della mia abitazione in via Adolfo Mancini, nei pressi del rione Biccari, quando improvvisamente una macchia di colore scuro, si è fermata sopra di noi - ci racconta Viviana Schiraldi - vigilessa foggiana. Inizialmente ci è sembrato un pallone ad elio, poi guardandolo con più attenzione abbiano notato che era ovale, schiacciato alle estremità. L'oggetto prosegue Viviana - si è allontanato, si è fermato sopra altri palazzi. Scendeva e saliva, saliva e scendeva. Poi si è fermato, è rimasto sospeso in aria per qualche minuto ed è sparito. Eravamo terrorizzate - conclude così il suo racconto Viviana". Ma come lei sono in tanti che in questi giorni hanno contattato la nostra redazione per portarci a conoscenza dei loro avvistamenti. Come un nostro telespettatore, che ci chiede di rimanere nell'anonimato, ma che attraverso una mail ci fa sapere di aver visto, insieme a sua moglie e i suoi genitori, quattro oggetti che emanavano una luce rossa. Gli stessi - si legge nella mail - tracciavano strane traiettorie in aria, che non lasciavano pensare a normali aerei o elicotteri. Incuriositomi - prosegue - ho preso un binocolo ed ho notato che uno di questi oggetti aveva di fianco una sfera di dimensione più grande della luce che emetteva." Ed ora è sempre più caccia agli Ufo.

fonte: teleradioerre

Read more...

Una doppia cima frequentata da diavoli e Ufo


Secondo una leggenda piuttosto diffusa, la Bisalta dovrebbe la sua conformazione a un intervento diabolico. Si narra, infatti, che molti secoli fa la montagna presentasse un unico e aguzzo punto culminante. Tutto cambiò in una notte d'estate. Un montanaro, dopo aver festeggiato in osteria la vendita del formaggio al mercato, tornava al suo villaggio. Il vino, tuttavia, rendeva il suo passo sempre più incerto. Quando la luna tramontò dietro il profilo della Bisalta, l'uomo non riuscì più a proseguire. Improvvisamente apparve il diavolo, che offrì al pastore un po di chiaro di luna, in cambio della sua anima. Il pover’uomo, ormai stanco e disperato, accettò e il diavolo preparò il contratto, mentre un esercito di piccoli demoni ritagliava dal monte la porzione di roccia che oscurava il disco della luna. Quando il diavolo presentò al montanaro l’atto di vendita dell’anima, il pallido chiarore della luna illuminò a fatica la firma: si trattava di una croce, unica cosa che il disgraziato aveva imparato a scrivere. Pare che agli inferi, non avesse alcun valore legale. Così la sua anima fu salva: il diavolo fuggì urlando e l'unica che ne fece le spese fu la montagna, che perse una «fetta» della vetta.

Al di là della leggenda, l'alone di mistero che circonda la Bisalta fu probabilmente generato dalla sua posizione isolata e dalla propensione delle sue rocce ad attirare i fulmini. Ciò causò, nel luglio del 1960, una tragedia nella quale persero la vita quattro persone che partecipavano a una cerimonia religiosa al Bric Costa Rossa: una folgore si abbattè improvvisamente sulla montagna e si scaricò sulla croce metallica.

Sulla montagna, nel primo Novecento e negli Anni '50, sono state effettuate ricerche di uranio, curate tra gli altri dal geologo Felice Ippolito e dal premio Nobel Marie Curie. A completare il quadro inquietante della Bisalta si aggiungono i numerosi «avvistamenti» di oggetti misteriosi che si dirigono o provengono dal monte. Le indagini effettuate dall'Ars di Torino (associazione ricerche scientifiche) hanno poi evidenziato la presenza di menhir, cromlech, strani manufatti e una «scultura» antropomorfa in pietra di circa un metro e mezzo, raffigurante un individuo con la testa triangolare. Negli Anni '70 la Bisalta era bersaglio delle esercitazioni di artiglieria pesante: i cannoni sparavano da Roracco,Villanova Mondovì, e da altre postazioni a Peveragno e Pianfei.

Si racconta infine, che nel secolo scorso, in autunno, molte persone erano solite recarsi da Villanova Mondovì in una località della Francia per lavorare alla raccolta del legname. Durante il tragitto, transitavano in un luogo in quota dove si trovavano «bambini dalla pelle molto chiara, quasi albini - raccontavano - ai quali dava molto fastidio la luce del sole, così da renderli quasi ciechi. E che fuggivano spaventati al nostro passaggio». Nell'autunno del 1975, a mezzogiorno, da Prato Nevoso, si assisteva a tre forti esplosioni nel cielo sopra la Bisalta, accompagnate da tre lampi ben visibili. Molti i testimoni oculari. Alle 14 una squadra di Soccorso alpino partiva da fondovalle temendo lo schianto di un aereo, ma trovava tutti i sentieri d'accesso al monte bloccati da elicotteri della Marina militare. Il ministero della Difesa parlò, in via ufficiosa, di missili lanciati da una nave militare.

fonte: la stampa

Read more...

domenica 23 agosto 2009

Bellissimi virtual tour nelle città Maya





Città del Messico. Chiusa alla visita dal 2004, per non danneggiarne lo stato di conservazione, la Tomba di Pakal, a Palenque, Chiapas, può essere ora visitata virtualmente tramite Internet da Agosto 2009. L'accesso alla camera funeraria del re Maya K'inich Janaab Pakal è stato programmato sul sito del National Institute of Anthropology and History (INAH): http://culturainah.org/panorama360/palenque/ e tramite il sito ufficiale dell' INAH, web page www.inah.gob.mx

Considerata una delle più importanti scoperte archeologiche del sec. XX in America, la camera sepolcrale si trova nel Tempio delle Iscrizioni e fu scoperta il 15 giugno 1952 dall'archeologo francese Albert Ruz Lhullier (1906-1979).

Al Museo di Palenque esiste una replica esatta della tomba e del suo contenuto.

La decisione di bloccare l'accesso del pubblico fu presa dopo aver constatato la deteriorazione dei resti archeologici, che cominciava a verificarsi in media dopo 50 anni di visite. Oggi, la camera funeraria presenta un eccellente stato di conservazione.

I resti di Palenque e dell'altra zona archeologica di Yaxchilan possono oggi essere visitati tramite strumenti multimediali. La pagina web include una vista panoramica a 360° che permette di ammirare ogni edificio delle due città Maya in ogni dettaglio, fornendo inoltre informazioni geogradiche, storiche, fotografie e mappe.

Palenque fu abitata tra il 100 a.C. ed il 900 d.C. Dopo le scoperte archeologiche di Albert Ruz Lhullier nel 1952 e la scoperta della tomba di Pakal, nel 1994 Arnoldo Gonzalez trovò la Tomba della Regina Rossa, forse madre o moglie di Pakal.

La visita virtuale di Palenque percorre l'interno e l'esterno dei templi De La Calavera, De La Reina Roja, De Las Inscripciones, El Palacio, Grupo de las Cruces, degli edifici XIX e XII e del campo della Pelota.

La visita virtuale di Yaxchilan descrive l'eccellente posizione di tale città, presso il Rio Usumacinta. Si possono poi ammirare la Gran Piazza, gli edifici XX e XXI e le strutture 19, 39, 40 41 e 45.

Yaxchilan fu abitata tra il 350 ed il 810 d.C.

Altre visite virtuali sul sito web dell'INAH sono quelle di Teotihuacan, Chichen Itza, Yucatan, e Tehuacalco, Guerrero.

Andate qui: http://culturainah.org/panorama360/palenque/ e cliccate su Mapa recorrido Palenque e selezionate a vostro piacimento.

Fonte:
http://www.artdaily.org/index.asp?int_sec=2&int_new=32488

Read more...

Il fine non giustifica i mezzi


a cura di
Carmine Crocco
http://ufologiaoggi.blogspot.com/
23 Agosto 2009

Con il pezzo intitolato "In Radio: Speciale in diretta sugli UFO su Radio Padania" ho pubblicizzato una puntata a tematica ufologica a cura del CUN su Radio Padania Libera. Inizialmente ho appoggiato e pubblicizzato la puntata del CUN su quella radio, pensando ingenuamente che per una volta il gioco valesse la candela e che pur di far conoscere a più gente possibile il fenomeno UFO attraverso l'ascolto di persone serie e preparate come Dr. Pinotti, ci si sarebbe potuti adattare turandosi il naso solo per una volta.

In realtà si tratta della programmazione di una serie di puntate radiofoniche che prevede il costituirsi di un gruppo di lavoro che favorirà la formulazione di una proposta di legge che l'On. Borghezio con la propria firma sottoporrà al vaglio della Commissione Europea.

Non pubblicizzerò più attraverso il mio blog questa serie di puntate perché ritengo che nella vita non sempre il fine giustifichi i mezzi.
Ho esposto liberamente il mio pensiero sul forum ufficiale del CUN circa l inopportunità di una simile "collaborazione" e devo notare con piacere che nonostante io sia un freelancer e non abbia alcun legame con il Centro e nessun altra organizzazione o associazione ufologica, hanno ascoltato e rispettato il mio punto di vista pur dichiarando il proprio disaccordo.
Per riassumere il mio punto di vista userò le parole di un utente molto acuto:

quando il CUN si appoggia a un personaggio come Borghezio lo fa INDUBBIAMENTE per il suo essere un POLITICO. Quindi non si può sostenere, come hai fatto te, "lasciamo stare la politica" quando poi lo stesso Borghezio è venuto lì in veste di POLITICO.
E la sua veste di POLITICO era esplicita, con frasi "cercherò di portare la questione in Europa" etc.
Un personaggio del genere, che ha poi la testa più chiusa di un mulo, non vedo come possa giovare alla "causa". Parliamo di un personaggio che probabilmente manderebbe all'inferno tutti i meridionali e tutti gli extracomunitari.
Davvero ottime basi per un contatto con una civiltà aliena eh.
Cioè ragazzi, BORGHEZIO, ma per piacere non scherziamo su...


Non voglio entrare nel discorso dell'immigrazione e del rispetto del prossimo perché sono argomenti troppo grossi per un blog di ufologia e per questo mi limito a fare solo una macabra constatazione.
Ieri sera "stranamente", il TG serale di Rai 2 ha mostrato un barcone delle autorità che accostava un cadavere galleggiante per recuperarlo. Quel cadavere in stato avanzato di putrefazione, era gonfio d'acqua e quello che balzava all'occhio era il fatto che non avesse più il colore della pelle scura che presumibilmente, quella persona africana doveva avere, ma era di un bianco pallido impressionante.

E' stata un immagine forte da guardare sopratutto a quell'ora con i bambini d'avanti alla TV, ma questo dovrebbe servire a farci riflettere sulla nostra comune natura umana. Chiudo, avevo promesso di non parlarne...... voglio consigliarvi l'ascolto di un pezzo dei Litfiba a me molto caro, pieno di significato a tal riguardo:



Se siete in disaccordo con il mio punto di vista e siete comunque interessati alle trasmissioni, nel forum ufficiale del CUN potrete trovare tutte le info circa la messa in onda e i relativi orari di programmazione.


© Carmine Crocco
23 Agosto 2009

Read more...

sabato 22 agosto 2009

I Figli delle Stelle


a cura di
Carmine Crocco
http://ufologiaoggi.blogspot.com/
22 Agosto 2009

Per paleoastronautica s'intende quel campo di ricerca che si propone di scoprire e analizzare le tracce di presunti sbarchi sulla terra di esseri tecnologicamente avanzati avvenuti in epoche remote. Queste tracce, in genere, ci giungono sotto forma di reperti archeologici raffiguranti tecnologie impossibili al tempo della loro creazione. Intendo iniziare di qui come punto di partenza, per poi tracciare un percorso che attraverso le teorie di Sitchin e il fenomeno dei cerchi nel grano ci potrebbe portare alla formulazione di una teoria che abbia alla base un comune filo conduttore.
Prima di trattare questi argomenti, in modo analitico, come prima infarinatura voglio sottoporre alla vostra attenzione questo documentario:











© Carmine Crocco
22 Agosto 2009

Read more...

Houston ha un problema (economico) Nessuna grande impresa prima del 2028


NEW YORK - Houston, questa volta abbiamo davvero un problema: non c'è più un centesimo. Norman Augustine non la vuole buttare in politica, lui di mestiere fa il manager, è stato anche il capoccia della Lockeed, e quindi pure abbastanza navigato, e non solo nello spazio: ma i piani che aveva trionfalisticamente annunciato George W. Bush, sulla Luna di nuovo nel 2020, su Marte entro il 2050, beh, ce li possiamo scordare. "Non c'è alcuna probabilità che la Nasa riesca a imbarcarsi in una qualche missione nello spazio più profondo prima del 2028. Anzi". La Nasa è finita, andate in pace.

Norman Augustine non è un esperto qualunque: è il capo del panel di becchini che da un momento all'altro dovrà salire alla Casa Bianca per annunciare la morte del progetto spaziale. E a seppellire quel sogno fatto balenare da John Fizgerald Kennedy ("Prima che questo decennio finirà, un uomo arriverà sulla Luna e farà rientro sano e salvo", 25 maggio 1961) sarà proprio lui, Barack Obama, l'uomo della nuova speranza, "Hope", affossata dalla recessione.

Certo: tra un paio di giorni, nella notte americana tra lunedì e martedì, l'ennesimo Discovery partirà dal Kennedy Space Center di Orlando, Florida, per l'ennesima missione, due settimane di lavoro intorno alla Stazione Spaziale Internazionale. Ma preparate i fazzoletti: dopo 28 anni di carriera non sempre onorata, anzi macchiata da due tragedie come quella delle navicelle Challenger (1986) e Columbia (2003), sette morti in ciascuna missione, anche lo Shuttle è destinato ad andare in pensione proprio il prossimo anno. Sostituito da che cosa? Buio spaziale: prima che i lanci del nuovo sistema di trasporto, denominato Constellation, prendano quota, ci vorranno almeno altri quattro anni: e siamo al 2014.

Nel frattempo, altro che Nasa: se un astronauta americano vorrà accomodarsi nello spazio (e dovrà farlo, se non altro per andare e tornare dalla Stazione Internazionale) dovrà chiedere la gentilezza di un passaggio agli ex nemici della Russia. O della Cina, che dopo aver lanciato il suo primo razzo sei anni fa prevede di far allunare un velivolo entro il 2012.

Ma che cosa è successo alla gloriosa National Aeronautics and Space Administration? Che cosa è successo all'agenzia che Dwight D. Eisenhower approntò in tutta fretta all'indomani del lancio russo dello Sputnik che imbarazzò l'America e l'Occidente? Bob Parks ci va terra terra: "La verità è che i voli umani nello spazio non ci dicono più nulla" giura a "Wired" l'esperto dell'università del Maryland, ex direttore dell'Istituto americano di fisica. "Tutto quello che possiamo fare, possiamo farlo meglio, più a buon mercato e più velocemente con i robot".

Addio allo spazio? La Commissione per la Revisione dei piani di volo umani nello spazio, rinominata per comodità con il nome del suo presidente, Augustine, è stata costituta nel maggio scorso con un obiettivo preciso: indicare gli obiettivi della Nasa prossima ventura. Le promesse di George W. Bush, anno 2004, seguirono le conclusioni dell'inchiesta sul disastro del Columbia, ma a quelle parole (fra l'altro le uniche spese sull'argomento) il presidente non fece mai seguire i fatti, intesi come un impegno finanziario preciso, e questo ben prima di quell'11 settembre dopo il quale nulla è stato più come prima. Il budget della Nasa non è mai stato stellare, fermo da una decina d'anni a quei 17 miliardi di dollari con cui, dicono gli esperti, non si va da nessuna parte.

Solo per la pianificazione del dopo-Shuttle, quel progetto Constellation che prevede il lancio dei razzi di nuova generazione Ares (primo test previsto a ottobre) e delle navicelle Orion, servirebbero 81 miliardi di dollari, che però nessuno ha messo mai a bilancio. La commissione Augustine ha fatto le cose per bene, ha messo sotto la lente più di 3mila piani possibili, ha scremato tutto lo scremabile e ha finito per concentrarsi alla fine proprio sul programma Constellation. Ha detto all'"Houston Chronicle", un giornale che di queste cose è addentro, Sally Ride, ex astronauta e tra i dieci big del gruppo di studio: "Noi non abbiamo identificato un solo scenario che includa l'esplorazione umana come possibile".

Toccherà rivedere perfino gli impegni assunti per il mantenimento della Stazione Spaziale Internazionale, un altro scherzo da 100 miliardi di dollari: sarà completata tra un anno, la Nasa vorrebbe chiuderla già nel 2016, un bel tuffo nel Pacifico e non se ne parla più. Russia, Giappone e Unione Europa non ci stanno: teniamola aperta almeno fino al 2020. Sulla stazione, come nelle barzellette di una volta, ci sono un americano, due russi, un giapponese, un canadese e un belga. E perché gli Usa nicchiano? Spiega Jim Dooley (Pacific Northwest National Laboratory) che negli ultimi trent'anni le spese militari e sanitarie si sono mangiate l'80 per cento dei fondi federali per lo sviluppo e la ricerca: agli inizi degli anni Sessanta la proporzione era inversa.

Chiaro, no? La fine della guerra fredda ha cambiato tutto. E non è un caso che i Paesi all'avanguardia spaziale oggi siano quelli in cerca di rivalsa geopolitca. Dice un rapporto del Mit di Boston ("Il futuro dei voli spaziali") che "gli obiettivi di Russia e Cina prevedono lo sbarco dell'uomo sulla Luna nei prossimi vent'anni. L'India ha già un razzo capace di spedire nello spazio una navicella per trasportare l'uomo. Il Giappone aspira a fare lo stesso. Nel 2007 per la prima volta un malese è volato nello spazio, seguito l'anno scorso da un sudcoreano, entrambi su capsule russe". E la Nasa?

Al declino non si arrende l'ex direttore Michael Griffin. "Siamo stati un simbolo della realizzazione dell'impossibile, siamo andati sulla Luna coronando un decennio di infaticabile costruzione. Se lo spazio è una frontiera gli Stati Uniti devono essere la sua punta più avanzata". Belle parole. Che però il buon Griffin può pronunciare, come gli è appunto successo qualche sera fa, davanti a un consesso nobile ma politicamente ininfluente come il Rotary Club di Tuscaloosa, Alabama, dove è stato invitato a pontificare.

Vero è che lo stesso accorato appello, Griffin, che ha diretto l'ente spaziale per cinque anni, dal 2005 a oggi, l'ha affidato alle colonne del "Washington Post". Ma il personaggio è particolare, di lui hanno fatto discutere alcune prese di posizione non proprio politicamente corrette sul global worming, e chiacchieratissimo è stato perfino il via libera che avrebbe dato alla missione di uno Shuttle (Discovery, luglio 2006) malgrado le resistenze del caposicurezza Bryan O' Connor.

Poca dietrologia: da luglio sulla sua poltrona siede Charlie Bolden, ex generale di Marina, ma soprattutto ex astronauta protagonista della prima, storica missione congiunta russa-americana, anno 1994. Vuoi vedere che toccherà proprio a lui, l'ex socio dei russi, il primo capo nero dell'ente spaziale, tirare giù la claire di Cape Canaveral e mettere il cartello di chiuso per bancarotta?

Nell'attesa non resta che sintonizzarsi, stasera, sulla Cbs, dove Buzz Aldrin, il secondo astronauta che mise piede sulla Luna, riceverà l'Emmy Award che l'Accademia nazionale per la tv, nel quarantennale dello sbarco, ha assegnato alla Nasa "per le innovazioni che hanno permesso le trasmissioni televisive dal vivo". Così va il mondo: l'ente che lanciava i suoi migliori uomini nello spazio, oggi al massimo li spedisce ai Telegatti.

fonte: repubblica

Il commento di Zucconi

WASHINGTON - Doveva essere la grande festa di compleanno, per la signora delle stelle che aveva fatto innamorare l'America, e sarà invece il suo funerale. In questa estate di rimpianti e di nostalgie per il "piccolo, grande passo" sulla Luna del 1969, la Nasa si ritrova senza soldi, senza una missione, senza un futuro e senza amanti a Washington, appesa soltanto alla speranza che Barack Obama non voglia passare alla storia come il presidente che staccò la spina.

A parte i 21mila dipendenti addetti alla ricerca, allo sviluppo e ai lanci, gli eredi di quei secchioni con le matite nei taschini delle camicie a maniche corte e gli occhiali da gufi che vedevamo sudare, abbracciarsi e piangere nel centro di controllo di Houston, non sarebbero in realtà molti quelli che piangerebbero il funerale della Nasa. L'agenzia non ha più santi in cielo, neppure quell'uomo che ironicamente porta proprio il nome di un illustre santo, Augustine, inglese per Sant'Agostino, e ha presieduto la commissione di saggi nominati dalla Casa Bianca per rivedere i programmi della Nasa e capire se la promessa di Bush, di tornare sulla Luna e poi Marte, fosse la solita fanfaronata bushiana o fosse realizzabile. E ha concluso con una frase brutale che racchiude il dramma di questa agenzia alla quale fu ordinato di vincere la Guerra Fredda spaziale ed ebbe il torto di vincerla: "La Nasa non ha i soldi per fare quello che vorrebbe fare, e non saprebbe che cosa fare neppure se avesse i soldi".

Non c'è posto per la gratitudine, e certamente non per il sentimentalismo, in un bilancio federale avviato alle altezze siderali dei 10mila miliardi di dollari di disavanzo fra cinque anni, se non sarà frenato. Anche se i 18 miliardi che oggi rappresentano il budget annuale della Nasa sembrano una mancia, essi rappresentano più di quanto tutte le altre nazioni insieme investano nello spazio e sono presi da un bussolotto nazionale divorato dalle spese militari, per il 50 per cento e per un altro 30 per cento dai costi di quello sgangherato sistema sanitario che Obama sta tentando di riformare.

Poiché nessun organismo, nel darwinismo sociale americano, sopravvive alla propria inutilità, l'agenzia che Eisenhower creò in un'altra estate fatale, nel luglio del 1958, per rispondere al panico del "bip bip" dello Sputnik sovietico, si scopre una soluzione senza un problema. Il programma "Constellation", costruito su nuovi razzi della serie Ares, per tornare sulla Luna e poi tentare l'impresa su Marte, sarà eliminato. Le vecchie navette "Shuttle", figlie di una tecnologia superata, andranno dalla sfasciacarrozze nel 2011, senza proroghe. La stessa stazione spaziale è a rischio di richiamo sul pianeta madre. "E non sarà aggiungendo un miliardo qui o uno là", scrive il crudele Agostino, che pure è l'ex presidente della Lockheed, una delle massime beneficiarie della corsa alla spazio "che ridaremo un senso alla Nasa".

Incalzano i privati, con le loro tecnologie e i loro razzi, che promettono di andare in orbita a un decimo dei costi Nasa, e la sirena della privatizzazione intona il suo irresistibile canto anche nello spazio. La sofisticazione e l'affidabilità dei robot cresce ogni giorno, sostituendo anche in guerra i vulnerabili umani ai comandi e le macchine promettono risultati scientifici eccellenti senza le spese e le difficoltà legate a quel fragile uomo. "Noi umani siamo pessime navicelle spaziale" sembra quasi scherzare la commissione di esperti e questo è il vero senso del funerale che l'America sta preparando per la Nasa. Non la fine della corsa allo spazio, ma la fine della presenza umana nello spazio, per decenni a venire. Una bottiglietta d'acqua portata sulla Luna costerebbe 100mila dollari, più che in un bar per turisti giapponesi al Pantheon. I robot non soffrono la sete.

Non ci saranno ricordi, commemorazioni, rimpianti, vecchi astronauti richiamati per qualche ora in servizio per le televisioni, nel 2049, perché non vedremo esploratori su satelliti e pianeti nel prossimo futuro, al massimo qualche "space cowboys" depositato sui grandi asteroidi, se dovesse tornare la psicosi del meteorite. La Nasa vivrà una lenta eutanasia a piccole dosi. Lancerà ancora qualche vecchio Shuttle, come quello che dovrebbe partire martedì prossimo per la stazione spaziale, sempre che il tempo sulla Florida lo permetta. Altrimenti, dovrà attendere settimane, e il proprio turno, dietro a un cargo giapponese e a una Soyuz russa. La ex fidanzata d'America costretta a fare la fila davanti allo sportello spaziale, come la nonna all'ufficio postale per ritirare la pensione.

(22 agosto 2009)

Read more...

Che traffico di Ufo nelle notti d'agosto - Cronaca - La Provincia di Como

Che traffico di Ufo nelle notti d'agosto - Cronaca - La Provincia di Como

Shared via AddThis

Aggiungo un breve servizio trasmesso da studio aperto riguardante altri avvistamenti tra i quali quello di Patti in provincia di Messina:

http://www.video.mediaset.it/mplayer.html?sito=studioaperto&data=2009/08/18&id=46026&from=aggregatore_search

fonte: mediaset

Read more...

venerdì 21 agosto 2009

La Teoria del Complotto UFO

a cura di
Carmine Crocco
http://ufologiaoggi.blogspot.com/
21 Agosto 2009

Se avete letto i miei precedenti articoli, avrete di certo notato che le spiegazioni fornite dalle autorità preposte, che si tratti della NASA o dei vari corpi aeronautici e di difesa dei relativi governi, sono sempre vaghe e lacunose e a volte giungono a rasentare addirittura il ridicolo.

Tutto ciò ha favorito uno spontaneo tam tam mediatico sulla rete Internet che però non ha minimamente influenzato i media ufficiali che si limitano a riportare nell'ultima pagina dei telegiornali quattro righe, che vengono fatte leggere con sufficienza dal telegiornalista di turno quando va bene; o altrimenti a trasmissioni che prevedono come format la trattazione dei più disparati temi misteriosi, mescolando di fatti la fenomenologia UFO ad argomenti paranormali o di frontiera che poco o nulla si conciliano con la ricerca seria.

Comunque, queste ultime a mio modo di vedere rappresentano il male minore perché anche se in modo deformato e distorto, riportano fatti che agli occhi dei telespettatori più curiosi e vivaci potrebbero risultare interessanti e meritevoli di approfondimento, spingendo di fatti quello che fino a quel momento era stato solo un osservatore passivo ad interessarsi attivamente alla ricerca. Tornando nel tema dell'articolo, passo ad analizzare la Teoria del Complotto UFO. Per una definizione compiuta ed efficace faccio vale la pena fare riferimento a quella che fornisce ufopedia :

Questo genere di teorie comprende l'idea che i governi siano effettivamente in comunicazione o cooperazione con entità extraterrestri.

Alcune di queste teorie arrivano a sostenere che il governo stia esplicitamente permettendo rapimenti alieni in cambio di tecnologia superiore.

Gli elementi tipici di questo genere di teorie del complotto sono: L'esistenza di un Governo ombra o di un New World Order, che controlla segretamente le sorti del mondo; Una congiura del silenzio finalizzata a nascondere all'opinione pubblica l'esistenza degli UFO e degli alieni; Un accordo o alleanza di qualche tipo tra il governo (o i governi) e gli extraterrestri (volto ad esempio a celare i casi di abduction); Elementi tratti dall'ufologia come l'incidente di Roswell e l'Area 51.

Una teoria cosi estrema sarebbe da scartare a priori se fosse solo il frutto di persone visionarie e complottiste con la sola differenza rispetto al passato,che ora sfruttano internet come luogo d' incontro per scambiarsi le proprie idee delirati e magari frutto di paranoie individuali.
Se non fosse che a sostegno di tale teoria ritroviamo personaggi di rilievo che nulla hanno da guadagnare dall'esporsi in tal modo anzi.......

Partiamo dal astronauta Edgar Dean Mitchell.
L'astronauta NASA è stato il sesto uomo a mettere piede sulla luna con la missione Apollo 14. Mitchell vanta un curriculum di primo livello. Laureato in economia,entra nella marina militare con il ruolo di pilota di voli da ricognizione. Dopo aver conseguito vari brevetti e qualifiche, viene assunto dalla NASA dalla quale, viene designato pilota del modulo lunare Apollo 14.

Mitchell si è pubblicamente esposto a favore della teoria del complotto quando nel corso della trasmissione radiofonica per Radio Kerrang del 23 luglio 2008 ha perentoriamente affermato:
So per certo che non siamo soli nell’Universo. Ora, siamo stati capaci di individuare con certezza dove si trovano gli altri pianeti abitati? No, non lo siamo, e sicuramente non
si trovano nel nostro sistema solare. Ma sono stati già stati identificati un buon numero di
pianeti che potrebbero essere molto probabilmente portatori di vita.
Io ho avuto il privilegio di sapere per certo che siamo stati visitati su questo pianeta e che il
fenomeno UFO è reale, per quanto sia stato tenuto celato dai nostri governi per un bel po’
di tempo.
Se siete interessati ad approfondire i contenuti dell'intera trasmissione,naturalmente tradotti, vi rimando al mio articolo:
http://ufologiaoggi.blogspot.com/2009/08/la-traduzione-dellintervista-di-edgar.html

E' evidente l'importanza e la portata di tali dichiarazioni,che vista l'estrema chiarezza non sono attaccabili da parte diinterpretazioni o manipolazioni che ne alterino il significato. Il Blogger Paolo Attivissimo in un suo pezzo,ha screditato Mitchell attribuendo la sua perdita di "lucidità" a una non ben spiegata influenza negativa esercitata ai suoi danni niente meno che da un ex prestigiatore.

Personalmente trovo ridicolo pensare che un uomo dallo spessore intellettuale e professionale come Mitchell che ha camminato sulla Luna, si faccia abbindolare da un sedicente guru o roba del genere.


Altro fautore illustre della teoria del complotto è Paul Hellyer, ex ministro della difesa canadese.
Attualmente in pensione, finita la sua carriera politica ha rivelato durante un simposio di Esopolitica, di aver partecipato grazie al suo ruolo istituzionale a riunioni di alto livello per conto del NORAD (Comando di Difesa Aerospaziale del Nord-America... lo stesso ente responsabile di enormi "sviste" che hanno causato l'attentato dell'11 settembre ),riunioni tenutesi a cavalo del 63-67 e dalle quali emerse uno scenario incredibile a credersi.
Hellyer afferma che gli ufo sono velivoli materiali e meccanici e non forme di energia.

Gli Stati Uniti avrebbero preso coscienza della loro esistenza solo dopo l'incidente di Roswell dove invece che come affermato dai militari, no fu recuperato un pallone sonda per rilevamenti atmosferici ma rottami di uno scafo alieno schiantatosi al suolo. I resti sarebbero stati trasportati nella allora fantasma e non esistente ufficialmente AREA 51. Presso questo enorme complesso militare in gran parte sotterraneo, si sarebbero svolti studi approfonditi per carpire la tecnologia che è alla base di tali velivoli.

Ad essere a conoscenza di tutto ciò sarebbero stati solo i presidenti USA e i più alti funzionari governativi. Inoltre, nel 2004 ha affermato che, riguardo al fatto che George W. Bush vuole costruire una base sulla Luna entro il 2020:
« Al contrario di quanto Bush dice, non c'è nulla di scientifico sulla base sulla Luna! Il vero scopo è bloccare il traffico di velivoli alieni e commerciare con essi o abbatterli. Credetemi, signori, è la verità! »« Questa installazione consentirà agli americani di osservare meglio il traffico di UFO che si dirigono verso la Terra e poi tornano verso lo spazio e anche di colpirli e abbatterli se decideranno di farlo. »« È giunto il momento di alzare il velo di segretezza che circonda l'esistenza degli UFO e di far emergere la verità affinché la gente sia messa a conoscenza di uno dei più importanti problemi che la Terra si trova ad affrontare. »
La versione sull'incidente di Roswell è stata confermata in passato dall'ex colonnello Philip_J.Corso che ne descrive sia nella sostanza che nelle dinamiche gli stessi avvenimenti.
Ecco tre video a riguardo:



Circa la necessità di una base lunare e d'installare uno scudo spaziale, conferme analoghe vengono dal ministro della difesa giapponese Shigeru Ishiba che ha affermato:
«il governo può solo offrire risposte stereotipate a questa domanda – ma personalmente, credo definitivamente che gli Ufo esistano». «Non dovrei aggiungere altro, ma vorrei veramente che queste domande venissero poste con più frequenza»
per poi aggiungere:
«il Giappone deve prepararsi preventivamente ad un possibile attacco da parte degli alieni. E non è il solo a pensarla così»
Chiarita la serietà di tale teoria, è utile capire come attivarsi per far si che questo cover up da parte dei vari governi termini il prima possibile.

Il progetto più serio, e che ha un respiro e portata internazionale caratteristica indispensabile per migliorarne le chance di riuscita, è senza ombra di dubbio il Disclosure Project.
Si tratta di una organizzazione senza scopo di lucro fondata nel 1993 dal Dr Steven Green con il compito di raccogliere tutte le testimonianze di persone qualificate per mansioni o ruoli lavorativi inerenti il fenomeno UFO. Essi devono raccontare la loro esperienza e dare la propria disponibilità a ripetere quello che affermano nei vari simposi al congresso americano sotto giuramento. Le personalità di spicco che hanno raccontato il loro vissuto sono tante e qualificate. Prima di sottoporvi alcune di queste testimonianze voglio chiudere il pezzo con un auspicio.

Mi auguro che in molti capiscano che questa teoria non è solo il frutto dell'ultima puntata di X-Files, ma che fa parte di una grossa realtà che ci viene volutamente occultata dai governanti per motivi a noi ignoti. Quando e se, questa presa di coscienza dovesse avvenire, solo allora si potrà tutti quanti compatti e forti chiedere ed ottenere a gran voce risposte che ci sono dovute, e al contempo avremo salvato l'anima da "alleanze" con gente dequalificante come Borghezio.

http://www.youtube.com/view_play_list?p=3AE6E5A824377FB3&search_query=disclosure+project


© Carmine Crocco
20 Agosto 2009

Read more...

Ufo nei cieli di Foggia, secondo ragazzi due avvistamenti

foto di repertorio

Foggia (Puglia) - Ufo nel cielo di Foggia? Sembrerebbe di sì, almeno secondo alcuni ragazzi che ieri sera, mentre erano fermi ad un semaforo in via Gioberti - tra via Natola e Tratturo Castelluccio - avrebbero notato in cielo quattro luci di colore rosso che variavano di intensità.

Dopo qualche minuto gli oggetti colorati che non facevano alcun rumore si sono disposti in coppie e che poi sono scomparsi improvvisamente alla vista, uno alla volta. Dopo qualche ore, nei cieli di Borgo Mezzanone, gli stessi ragazzi hanno notato una luce bianca intensa attraversare il cielo in modo veloce e costante in direzione sud: anche in questo caso la luce non emanava alcun rumore. Per questo motivo i ragazzi hanno escluso che si trattasse di aerei anche perchè quella luce era troppo bassa per essere un velivolo. Ma le quattro luci viste nei cieli di Foggia sono state viste da altri ragazzi che raccontano di aver visto quelle strane luci cambiare colore e disporsi più volte tra loro fino a formare disegni geometrici sempre diversi tra loro. Secondo alcune indiscrezioni dalla base militare di Amendola, sede del 32esimo Stormo dell'Aeronautica Militare Italiana, negli orari degli avvistamenti non erano previste esercitazioni.

Scritto da Antonio Romano

fonte: www.ilpaesenuovo.it


Read more...

giovedì 20 agosto 2009

Il CUN ha voglia di vendere l'anima?

a cura di
Carmine Crocco
http://ufologiaoggi.blogspot.com/
20 Agosto 2009

Lunedì 17 agosto con tre quarti d'ora di ritardo rispetto il previsto è andata in onda uno speciale sulla fenomenologia UFO su radio padania libera. La trasmissione è stata condotta da Andrea Rognoni simpatico personaggio che ha tracciato a suo modo di vedere una non ben definita correlazione tra il terremoto abruzzese e il fatto che l'Europa si starebbe islamizzando. In studio Alfredo Lissoni volto di tele padania e tra gli ospiti il Colonnello dell'aeronautica italiana Doz e il Dr. Roberto Pinotti giornalista e presidente del CUN .

Durante la diretta è intervenuto l'europarlamentare Mario Borghezio che ha affermato:"Chiederò in sede europea che tutti gli stati membri tolgano il segreto apposto sugli avvistamenti Ufo, e mi adopererò affinché anche coloro che ci rappresentano al Consiglio d’Europa facciano la stessa cosa". L’europarlamentare leghista (che s’è detto sicuro "di una volontà politica tesa ad oscurare gli avvistamenti di dischi volanti", una congiura del silenzio che coinvolgerebbe "Stati Uniti, Russia, Nato e le nostre stesse autorità militari") ha anche annunciato la prossima costituzione, a Milano, di un gruppo di lavoro che lo supporti in questa nuova battaglia. "Tutti devono poter prendere visione di tali documenti, per poter arricchire la propria conoscenza universale, scientifica e politica", ha detto Borghezio.

Tutte parole e propositi meritevoli, se non fosse che a pronunciarli è proprio Borghezio , dalla cui bocca sono uscite queste perle di saggezza e di amore universale :



Mi chiedo di chi sia stata la brillante idea all'interno del CUN di farsi sostenere medianicamente da questa gentaglia. Prima con questo ciclo di puntate radiofoniche su radio padania libera ( libera forse sta per libertà di sparare stronzate razziste e luoghi comuni a volontà) e e poi anche politicamente perché la proposta di disclusione dei rapporti segretati, se mai sarà stilata e consegnata al parlamento europeo, avrà come primo firmatario un "bip" come Borghezio.

A prescindere i frutti che porterà questa join venture tra il CUN e la Lega, a mio modo di vedere rimarrà una macchia indelebile nella storia del CUN l' accostamento ad un movimento politico e per di più di stampo razzista com'è la Lega Nord. Ogni libera associazione qualsiasi sia il suo scopo, deve perseguire la sua opera in modo autonomo ed indipendente ed evitare di schierarsi politicamente proprio per evitare di "dovere in futuro qualcosa a qualcuno".

Vi linko l'intervento radiofonico di Borghezio:



© Carmine Crocco
19 Agosto 2009

fonte utilizzata http://danielesensi.blogspot.com/

Read more...

12 segnalazioni per gli UFO di Messina


Sono 12 le segnalazioni di sfere luminose viste roteare sopra il cielo di Patti (Me) la notte del 13 agosto, giunte alla sezione siciliana del Centro Ufologico Nazionale. A confermarlo e' Antonino Morreale, responsabile del Cun di Messina.

''Le segnalazioni a noi giunte - dice - confermano la presenza di tre oggetti non meglio identificati sul cielo di Patti, tra la frazione Scala e quella di Mongiove la notte del 13 agosto. Gli avvistamenti si sono verificati intorno alle 00:40''.

Dalle testimonianze raccolte in citta', pare che anche nei giorni precedenti, precisamente le notti del 27 e 31 luglio, sempre nella stessa zona, siano state viste delle sfere luminose volteggiare in cielo e poi scomparire improvvisamente. Il 2 agosto del 2004 a Vulcano, dinanzi al Golfo di Patti, personale di una nave della Marina Militare in pieno giorno fotografo' due oggetti volanti non identificati.

Al Cun, adesso, attendono di visionare i filmati di Patti per accertarne l'autenticita'.

''Sembravano delle palle di fuoco che danzavano nel cielo, per poi scomparire improvvisamente''. Lo racconta Giuseppe Sidoti, l'uomo che la notte del 13 agosto, a Patti (Messina), e' riuscito ad immortalare in un video girato col telefonino, due oggetti non identificati.

''Era passata da poco la mezzanotte, quando ad un tratto mia moglie mi chiama per dirmi che c'era un aereo che stava prendendo fuoco. - continua - Guardando meglio abbiamo da subito notato che non si trattava di un aereo. Non ho fatto in tempo a prendere il cellulare che questa palla infuocata e' scomparsa nel cielo''. ''Subito dopo - prosegue Sidoti - a distanza di circa un minuto e' comparso un altro oggetto, che per circa un minuto e mezzo ha danzato nel cielo. Poi e' scomparso anche questo e poco dopo ne e' ricomparso un altro. A quel punto sono riuscito a riprenderli col telefonino. A vederli non siamo stati solo noi. Anche altre famiglie nostre vicine di casa sono scese in strada per chiederci se avevamo visto quelle strane sfere volteggiare in cielo''.

La costa tirrenica della provincia di Messina non e' nuova ad avvistamenti simili. La piccola frazione Canneto di Caronia, nota per i misteriosi incendi, inoltre, dista da Patti pochi chilometri.

fonte ansa - http://www.ansa.it/

Read more...

mercoledì 19 agosto 2009

UFO a Messina




Ufo: scatta la caccia nel Messinese dopo servizio tv locale
Emittente ha trasmesso immagini di sfere luminose in movimento
(ANSA) - PATTI (MESSINA), 18 AGO - E' scattata nel Messinese la caccia agli Ufo dopo un servizio di una tv locale su un triplice avvistamento a Patti. L'emittente ''Antenna del Mediterraneo'' ha trasmesso un video registrato il 13 agosto da un telespettatore con due sfere luminose che si muovono e cambiano colore. L'uomo avrebbe visto anche un terzo oggetto non identificato. Negli ultimi giorni sono state registrate varie segnalazioni di strane luci sopra Patti nelle ore notturne.


fonte: Ansa

Share/Save/Bookmark

Read more...

Mi scappa un post OT

a cura di
Carmine Crocco
http://ufologiaoggi.blogspot.com/
19 Agosto 2009


Siamo una Nazione di provinciali, nel bene e nel male.
La grande forza umana di noi italiani è il nostro modo di vivere. La gran parte della popolazione vive in una dimensione campanilistica, si coltivano rapporti si vive a stretto contatto col prossimo, e tutti sanno tutto di tutti. A New York la gente è talmente alienata ed indaffarata nelle proprie cose, che s'accorge dei barboni solo quando c'inciampa su.
Da noi queste cose non accadono.
Il rovescio della medaglia a tutto ciò, è che viviamo in un sistema autoreferenziale di gente che occupa posti chiave e\o di potere, solo perché è imparentata con altra gente che sua volta conta molto. Così assistiamo inermi alla fuga di cervelli che per trovare sbocchi lavorativi sono costretti ad emigrare altrove con una laurea al posto della valigia di cartone.
La politica è la carnefice responsabile di tutto perché anch'essa, marcia fino al midollo, si regge su quel meccanismo vizioso fatto di raccomandazioni e bustarelle.
Così siamo costretti ad assistere sempre più sfiduciati al delirio di ministri come Bossi che sbraitano cavolate su roba superflua come dialetti e inni da cantare mentre tutto va a puttane, compreso il Presidente del Consiglio.
Svegliamoci e facciamo qualcosa per impedire che continui questo schifo! Tiriamo fuori il coraggio che abbiamo e ribelliamoci o l'Italia di questo passo diventerà dittatoriale. Ci siamo quasi. Un presidente del Consiglio che dopo tutto quello che si è detto non ha ritenuto opportuno chiarire con un contraddittorio la situazione delle escort , non si è dimesso e che continua ad avere nelle sue mani il 90% dell'informazione..... Cosa deve fare ancora perché gli italiani si rendano conto? Signori esattamente 55 anni fa moriva De Gasperi e il suo oppositore era Togliatti, fate un salto temporale e troviamo una classe politica fatta da nani puttane e ballerine! Vi invito a leggere questo post dove una ricercatrice spiega perché è dovuta andare via dall'Italia.

http://libriescienza.blogspot.com/2009/04/la-scienza-tradita.html

La ricerca nel nostro paese, come tutta la scienza, è morta...tradita da uno stato disfattista.


© Carmine Crocco
19 Agosto 2009





Share/Save/Bookmark

Read more...

martedì 18 agosto 2009

Rilasciati gli X-Files Britannici


a cura di
Carmine Crocco
http://ufologiaoggi.blogspot.com/
18 Agosto 2009


Il Governo Britannico ha sempre liquidato attraverso le dichiarazioni delle autorità preposte i vari avvistamenti UFO sempre con molta fretta, attribuendoli a fenomeni spiegabili come anomalie atmosferiche o allucinazioni individuali e/o collettive. Sottobanco invece, prendeva tutto sul serio provvedendo ad un intensa attività di ricerca e archiviazione.

Prova ne è il rilascio avvenuto ieri 17 Agosto 2009 di documenti segretati, ora resi di pubblico dominio in ottemperanza alla legge sulla libertà di informazione.
La documentazione in oggetto riguarda alcuni avvistamenti UFO avvenuti fra il 1948 e il 1986. La mole di materiale frutto dell'attività investigativa è impressionante e le parti appositamente oscurate per motivi di privacy ne rendono la lettura a tratti lacunosa ed incompleta. I rapporti sono la maggior parte dattiloscritti, mentre la restante parte è frutto di un attività calligrafica arricchita da disegni ed illustrazioni, opera delle stesse persone che hanno effettuato gli avvistamenti.

Alcuni fenomeni che in quel periodo balzarono ai vertici delle cronache come fenomeni UFO sono stati spiegati, mentre alcuni altri rimangono insoluti e volendo mutuare la dicitura statunitense, sono archiviati per sempre come dei veri e propri X-files. Non posso entrare maggiormente nel merito dei vari rapporti visto il breve lasso di tempo che intercorre tra la data del loro rilascio e la stesura di questo pezzo, poi sinceramente mi servirebbe anche l'aiuto di un traduttore esperto a causa dei molti termini tecnici e della considerevole quantità di testi PDF da analizzare, ma una constatazione molto interessante posso spingermi a farla sin d'ora.

Quando abbiamo assistito su giornali o TV a quelle pronte dichiarazioni da parte delle autorità che sin dal primo momento hanno dichiarano con assoluta certezza o con gran probabilità che un determinato fenomeno anomalo in realtà è stato da loro perfettamente spiegato, sappiate che ci hanno mentito. Sono state spesso dichiarazioni di facciata e in realtà le stesse autorità si sono prontamente attivate per investigare e documentare tutto. La dischiusura di questi documenti ufficiali ne è prova lampante di tale atteggiamento doppiogiochista. Domanda retorica... secondo voi, questo atteggiamento è finito la, o continua ancora tutt'oggi?

Potete visionare e scaricare i documenti in formato PDF da questo indirizzo web:
http://ufos.nationalarchives.gov.uk/


© Carmine Crocco
18 Agosto 2009

Read more...

lunedì 17 agosto 2009

CICAP e opera di debunking



a cura di
Carmine Crocco
http://ufologiaoggi.blogspot.com/
17 Agosto 2009


Massimo Mazzucco è un fotografo e regista italiano famoso per aver girato uno degli ultimi film dell'indimenticabile Walter Chiari, ma più di recente deve la sua notorietà al ruolo di ideatore e curatore del sito web Luogocomune.net

Questo sito, presente in due versioni italiano ed inglese, è nato nel 2001 e deve il proprio sostentamento economico alle libere e volontarie donazioni dei lettori.
Obbiettivo della testata è raccontare i fatti senza vincoli provenienti "dall'alto" e cercare attraverso la raccolta e scambio d' informazioni di riportare gli stessi accadimenti nel modo più possibile aderente alla realtà.

Simbolo di questo modo d'agire è l'ottimo rapporto riguardante i fatti accaduti l'11 settembre 2001. Fatti occultati dai media tradizionali e scovati ed analizzati dai lettori.
Questa propensione a svelare in modo meticoloso le dinamiche degli avvenimenti ha portato all'etichettatura del sito a quella categoria variegata presente sulla rete internet detta comunemente cospirazionista. Acerrimo e dichiarato nemico di tale visione della storia è il CICAP (Comitato per il Controllo Affermazioni sul Paranormale).

Questo Comitato fondato e presieduto dal divulgatore scientifico Piero Angela, analizza con metodo scientifico qualsiasi personaggio o fenomeno che esula dalle spiegazioni tradizionali. Il CICAP in questo enorme calderone mette di tutto, ma proprio tutto, dal rabdomante al fenomeno ufologico.
Il comitato è molto attivo in cio' e ne è prova la massiccia presenza nei media.
Ogni trasmissione che come format prevede argomentazioni misteriose vede la presenza in studio di un esponente CICAP, proprio per assolvere al compito di controbattere in nome della scienza a chi sostiene di avere poteri paranormali o ha assistito a qualcosa di anomalo.

Tutto ci0 in teoria sarebbe doveroso e utile proprio per poter fornire a chi ascolta una visione d' insieme dei fatti. Ma a rovinare tutto è l'atteggiamento molto strano di questi esperti che etichettano tutto l'insolito come fuffa.
Mazzucco in questo documentario, che vado a sottoporvi, disegna un quadro impietoso della realtà e partendo da fatti tangibili e riscontrabili, dimostra come l'atteggiamento di questo comitato sia sempre stato a senso unico e dovuto ad un'opera di debunking.

Il regista traccia magistralmente un excursus storico dell'opera cicappina in tal senso dagli albori fino all'ultimo atto in senso temporale datato 31 luglio 2009, coincidente con la messa in onda di una puntata di super quark.
Non vi anticipo null'altro ... ecco il documentario:


Piero Angela non dice la verità from J3njy on Vimeo.



© Carmine Crocco
17 Agosto 2009

fonte: http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=3292

Read more...

In Radio: Speciale in diretta sugli UFO su Radio Padania


Lunedì 17 agosto dalle ore 15.00 alle 16.30 su http://www.radio-padania.com/rpl/defaultasp.asp

Fra gli ospiti il Colonnello Doz e Roberto Pinotti
Conduce in studio Alfredo Lissoni

Data la variabilità delle frequenze nazionali, consiglio l'ascolto in internet. Andate qui http://www.leganord.org/ e scaricate in alto a destra il PLS per l'ascolto in streaming. Basta cliccare sulla freccettina in alto a destra. Aprire il file. Qualsiasi player audio va bene. Io uso VLC. Leggero e gratuito.

Alfredo Benni - Consigliere Nazionale
Coordinatore CUN Lombardia

Piccola domanda sarcastica..... l'ascolto è permesso anche ai terun come me?!? ;-)

Carmine Crocco

Read more...

domenica 16 agosto 2009

Sviluppo interessante sul caso SECRETUM OMEGA


a cura di
Carmine Crocco
http://ufologiaoggi.blogspot.com/
16 Agosto 2009



Quello che vado ad analizzare è il tipico caso d'indagine ufologica che ogni ricercatore interessato alla Verità dovrebbe condurre, cosa che bisogna ammettere è sempre più rara da riscontrarsi.

Chiarito ciò, voglio informarvi circa gli ultimi sviluppi sul caso Secretum Omega.
Questo caso è salito alla ribalta delle cronache ufologiche ad opera del ricercatore Cristoforo Barbato.

Quando nel 2000 lavorava per la rivista Stargate, Barbato iniziò una corrispondenza via mail con un "insider" che affermava di essere un appartenente all'ordine dei Gesuiti. L'informatore dichiarò di lavorare per conto del SIV ( Servizio Informazioni del Vaticano) e sosteneva di avere informazioni Top Secret da rivelare. Le informazioni del Gesuita erano superiori al Top
Secret, ma di questo Barbato se ne rese conto durante il rapporto. Infatti il Secretum Omega corrisponderebbe al Cosmic Top Secret - come livello - impiegato dalla NATO. I contatti tra Barbato e il gesuita avvennero via mail per un intero anno fino al 2001 quando avvenne un incontro di persona in una località romana, incontro che avvenne perché fu Barbato a
volerlo, quale condizione necessaria per proseguire i loro contatti.

L' insider le cui credenziali furono verificate e riscontrate reali da Barbato, rivelò dei fatti eccezionali e difficili da credere. Secondo il racconto dell'uomo, il Vaticano avrebbe messo su nei primi anni 90 un programma spaziale in collaborazione con l'azienda del comparto industriale-aerospaziale americano Lockheed Martin. Lo step principale prevedeva il lancio di una sonda dal nome biblico Sìloe con il compito di individuare e filmare all'infrarosso il fantomatico Pianeta X.

Il corpo celeste sarebbe stato individuato e fotografato. Dalla scansione dello spazio sarebbe emerso un enorme pianeta in fase di avvicinamento al nostro sistema solare. L'informatore rivelò molto altro, se incuriositi vi rimando al sito di Barbato dov'è riportata tutta la vicenda con i relativi particolari:
http://www.secretum-omega.com/intervista.html

Sempre a sentire l'informatore, la sonda Sìloe sarebbe stata messa in orbita non attraverso un normale razzo a propulsione ma grazie al veicolo aereo spaziale Aurora.
Eccoci giunti agli ultimi sviluppi inediti, merito dell'opera di ricerca del Dr. Luca Scantamburlo che in maniera indipendente a Barbato condusse all'epoca un particolare filone di ricerca ad esso parallelo.

Infatti, presumibilmente nel 2003 Barbato ricevette una foto dal gesuita dov'era visibile un oggetto scuro a forma triangolare che orbitava nello spazio prominente all'atmosfera terrestre. Sulla foto era presente questa scritta calligrafica:

“61c – 31-02”

Per i due ricercatori fu logico ricondurre tale dicitura a una data ma si trattava di un errore.
Lo stesso Scantamburlo ha scoperto e reso pubblico attraverso il suo portale web http://www.angelismarriti.it/home.htm un interessante scoperta che apre nuovi ed inediti scenari che vanno a favore della veridicità della storia.
Quella dicitura non indica, infatti, una data ma il numero seriale ufficiale di archiviazione Nasa delle foto riguardanti le missioni Columbia svoltesi tra il 12 e 23 Gennaio 1986.
Ecco la foto in questione linkata direttamente dal sito governativo Nasa:

http://science.ksc.nasa.gov/mirrors/images/images/pao/STS61C/10062623.jpg


La Nasa spiega tale oggetto come un oggetto fluttuante nello spazio, si potrebbe pensare ad una mattonella termo isolante staccatasi dal ventre dello Shuttle ma a mio modo di vedere tale spiegazione non è plausibile, basta vedere forma e grandezza di una di queste componenti meccaniche per scartare tale ipotesi.
Per maggiori dettagli vi rimando al sito dell'autore di tale scoperta inedita, e in particolare all'articolo completo:


http://www.angelismarriti.it/presenzealiene/aurora-shuttle1986.htm


© Carmine Crocco
16 Agosto 2009

Read more...

sabato 15 agosto 2009

Saturno e strane anomalie

Ho intenzione di approfondire questa vicenda avvalendomi della collaborazione di un astrofilo che certamente potrà chiarirci le idee.
Per ora partiamo da qui: http://www.lunexit.it/trueplanets/index.php?p=334





cortesia di www.lunexit.it e www.lunarexplorer.it

Read more...

Precisazioni del Dr. Introvigne sul gruppo Stargate


a cura di
Carmine Crocco
http://ufologiaoggi.blogspot.com/
15 Agosto 2009


Dopo aver scoperto l'inserimento del gruppo Stargate da parte del CESNUR nell' indice delle religioni italiane, mi sono immediatamente attivato nel contattare un responsabile del centro per chiedere delucidazioni circa le motivazioni dello stesso.

Inviata una mail, ho ricevuto subito risposta direttamente dal Dr. Introvigne, che tiene a fare delle precisazioni su alcune inesattezze del mio articolo.
Pubblico volentieri il testo integrale della mail senza modificarne il contenuto, o aggiungerci del mio:

C'é un equivoco.
Anzitutto il CESNUR non usa per principio il termine setta.
In secondo luogo l'inserimento nell'enciclopedia, come chiaramente spiegato nell'introduzione, non comporta alcuna etichettatura come setta (per esempio, c'é anche la Chiesa Cattolica) né a rigore come religione.
Cordiali saluti
Massimo Introvigne

Ringrazio il Dr. Introvigne per l'attenzione prestataci, e procedo nel fare delle mie osservazioni.
E' verissimo, il termine setta è sbagliato, ma l'intento della mia denominazione tendeva a rendere più facilmente e grossolanamente individuabile la casistica trattata, a chi non ne mastica di questi argomenti.

Riguardo il fatto di non essere presente nessuna etichettatura, invece, mi permetto di far notare che nella pagina web riferita al gruppo Stargate, nella parte superiore è chiaramente scritto "Indice delle religioni in Italia".

Inoltre, a mio modo di vedere, se è stato inserito il gruppo del Prof. Malanga a rigor di logica era da aspettarsi il concomitante inserimento delle altre organizzazioni ufologiche come il CUN o il CISU.

Spingendomi oltre nel ragionamento il rischio reale, è innescare nel lettore non ferrato in argomenti ufologici, l'idea che la fenomenologia delle abduction trattata dallo Stargate faccia parte del folklore ufologico accostandolo di fatto ad organizzazioni piene di punti interrogativi come quella Raeliana.

Questi "accostamenti" sempre a mio modo di vedere finiscono per dequalificare il lavoro del Prof. Malanga.


© Carmine Crocco
15 Agosto 2009

Read more...

venerdì 14 agosto 2009

Sto per scadere (post ironico.... almeno nelle intenzioni)............



a cura di
Carmine Crocco
http://ufologiaoggi.blogspot.com/
14 Agosto 2009


..................come una busta del latte a brevissima conservazione ;-) .... e si.... giuro che non ho fatto e detto nulla al moderatore di ufomachine... ma fatto sta che stasera mi bannerà dal suo forum con questa motivazione:

Ciò che è scaduto riguarda l'attualità.
Io non mi precludo MAI la possibilità di cambiare.
Se un giorno dovessi comprendere le motivazuioni che mi spingono a comportarmi così "QUI ed ORA" sarai il ri-benvenuto.
Per ora, ci tocca fare a meno di te.

Max

Che dire... Internet ha cambiato in tanti modi positivi la nostra vita, ma ci ha privati del gusto di un sano e diretto: Va a quel paese!.... che sono certo Max mi avrebbe detto a quattrocchi.
Allora mi adeguo al volere della Rete Internet, e pubblico anche qui come ho fatto nel forum ufomachine un video di risposta come estremo saluto al moderatore.





E' il mio primo ban e non so perché mi è venuto in mente sto video che fa sorridere. :-)


© Carmine Crocco
14 Agosto 2009

Read more...

Il CESNUR inserisce il gruppo Stargate del Prof. Malanga tra le sette religiose


a cura di
Carmine Crocco
http://ufologiaoggi.blogspot.com/
14 Agosto 2009


Il CESNUR (Centro Studi sulle Nuove Religioni) è un organizzazione di accademici europei e statunitensi, il cui scopo è studiare in modo coordinato ma indipendente tra le varie sedi, la natura dei movimenti religiosi minori e le dinamiche che portano alla formazione di quelle che comunemente vengono denominate sette religiose.
Il fondatore della sezione italiana è Massimo Introvigne, sociologo e filosofo italiano, prolifico scrittore, che vede al suo attivo più di 40 libri incentrati sulla sociologia e studio dei movimenti religiosi.

Visitando il sito web ufficiale del CESNUR, tra i cui compiti vi è lo stilare rapporti annuali che indagano su queste organizzazioni religiose, potrete notare che nell'indice delle religioni in Italia è stato inserito il Gruppo Stargate, fondato e presieduto dal Prof. Corrado Malanga.


Questa scelta sinceramente mi ha spiazzato.
E' verissimo e palese a tutti che il docente di chimica e ufologo abbia delle teorie estreme e sconvolgenti che emergono dai suoi studi sugli addotti, ma da qui prima di paragonare un uomo di scienza come lui a un santone o guru, credo ne debba passare di acqua sotto i ponti.

Nel riportarvi la notizia di questa "strana" classificazione, mi fermo qui.... ma mi attivo subito per contattare un responsabile del CESNUR e magari chiedere la disponibilità ad un' intervista che serva a chiarire questa loro presa di posizione, indicandone le motivazioni che ne sono alla base.

© Carmine Crocco
14 Agosto 2009

Read more...

giovedì 13 agosto 2009

Alieni e SMS


a cura di
Carmine Crocco
http://ufologiaoggi.blogspot.com/
13 Agosto 2009


Il sito web www.hellofromearth.net sta promuovendo una spedizione di SMS nello spazio in cerca di vita intelligente. Fino al 24 agosto, infatti, sarà possibile inviare brevi messaggi di testo massimo 160 caratteri che verranno inviati nello spazio verso Gliese 581d, un pianeta poco fori dal sistema solare e dalle caratteristiche simili alla Terra.

Secondo quanto comunicato dai titolari del sito, gli SMS arriveranno a destinazione in circa 20 anni e quindi bisognerà pazientare centinaia d'anni per ricevere un eventuale risposta dal destinatario extraterrestre.

Il portavoce del progetto - Wilson da Silva - spiega così la singolare iniziativa: "è come un messaggio in bottiglia tra le stelle. Quello che è interessante non è se c'è qualcuno che ascolta, ma quello che la gente dirà alla vita intelligente su un altro pianeta".

Ad inaugurare il servizio è stato il ministro della Scienza Kim Carr, autore del primo messaggio: "Ciao dall'Australia sul pianeta che chiamiamo Terra. Questi messaggi esprimono i sogni della nostra gente per il futuro. Vogliamo dividere questi sogni con voi. Da bambino, come molti australiani, guardavo le stelle e mi chiedevo cosa ci fosse. Ora la scienza mi permette di inviare un messaggio personale che potrebbe rispondere a quella domanda".

E' evidente che si tratta di una mossa pubblicitaria, se tutto ciò fosse stato fatto per uno spirito di pura ricerca, invece di gettare denaro in questo modo si sarebbe potuto finanziare e dare ulteriore impulso al progetto SETI. Purtroppo il Dio Denaro costringe molti a ragionare secondo dinamiche diverse che quasi mai conducono alla pura ricerca scientifica .


© Carmine Crocco
13 Agosto 2009

Read more...

mercoledì 12 agosto 2009

Recensione: "Contatto con i Plejaren" di Eduard Albert Meier


a cura di
Carmine Crocco
http://ufologiaoggi.blogspot.com/
12 Agosto 2009



Eduard Albert Meier è un cittadino svizzero di 72 anni. Aspetto rassicurante passatemi il paragone somiglia vagamente al nonno di Heidi, e come quel personaggio dei cartoni conduce una vita schiva e riservata nel suo paesino di montagna. Sotto questa veste di apparente normalità, si cela uno dei più importanti contattisti viventi, la cui figura di rilievo nel panorama ufologico mondiale e solamente paragonabile allo scomparso Adamski se si considera l'enorme mole di prove fotografiche video e metalliche che il contattista fornisce per avvalorare le sue esperienze.

Prima di analizzare questi aspetti, è utile proporre un breve cenno sulla vita di quest’uomo che a dire il vero non è sempre stata tranquilla come lo è ora. Infatti, in età adulta si arruola nelle legione straniera e al servizio della nazione francese girerà il mondo per ben 12 anni, fino a quando è costretto al congedo in seguito alla perdita di un braccio per un incidente in Turchia. Intraprende una vita più normale, prende moglie e mette su famiglia.

Nel 1978 decide di mettere a disposizione di tutti le sue esperienze di contatto con esseri provenienti dallo spazio, regolarmente avvenute sin dalla più tenera età, e di avviare un piano di studi ad esse inerenti. A tal fine fonda il FIGU Freie Interessengemeinschaft für Grenz- und Geisteswissenschaften und Ufologiestudien (Libera Associazione per lo studio delle scienze di frontiera, le scienze spirituali e gli studi Ufologici). Dal lavoro di questa associazione che non ha fini di lucro, nasce il foto album che vado a recensire dal titolo “Contatto con i Plejaren”.

Il libro si apre con un breve excursus sulle esperienze di vita del contattista, e viene sottolineata l’importanza che tale aspetto ha avuto nella “scelta” effettuata dagli extraterrestri nei suoi confronti. Comunque i suoi primi contatti con questi umanoidi sono avvenuti sin dalla più tenera età presso il bosco di Bulach.
A palesarsi è stato Sfath, un essere dalle fattezze umane atterrato con una capsula dotata di quattro "zampe".
Il contatto più significativo è da ricondursi a undici anni dopo, quando Meier che in quel periodo svolgeva l'attività di guardiano, ad un tratto ebbe l'impulso di pendere una macchina fotografica e di mettersi alla guida della sua moto.

Così giunto alle ore 14:12 nel parco di Hinwil a Frecht non senza difficoltà essendo sin da quell'epoca privo di un braccio, fu attratto da uno strano ronzio seguito dalla comparsa di un disco argenteo che subito fotografò. Il velivolo atterrò, ma a Meier non fu permesso di avvicinarsi a più di 90 metri, perché bloccato da una strana forma di energia. Ne discese una donna con la quale intraprese un dialogo in modo telepatico.
Contatti di questo tipo si sono susseguiti negli anni sempre attraverso richiami telepatici, in luoghi isolati come radure boschive o anche nelle astronavi degli stessi visitatori.
Meier è stato incaricato di fotografare e filmare i voli dimostrativi dei velivoli spaziali di questi esseri umani provenienti da un sistema solare distante 80 anni luce dalle Pleiadi che i loro abitanti chiamano Plejaren, sistema solare immerso in una dimensione spazio temporale sfasata rispetto alla nostra.

Meier ha scritto moltissimi resoconti sui contenuti dei dialoghi, prima della pubblicazione di questa recensione ammontano a tremila pagine dattiloscritte, mentre il cosiddetto Insegnamento Spirituale ha superato le 2500 pagine dattiloscritte in formato Din A4 e tutto ciò è da affiancarsi a una ventina di libri e i tanti articoli pubblicati sulla rivista Wassermannzeit.

Riguardo le prove, i campioni originali delle foto sono stati analizzati da Eric Eliaso esperto di fotografia e dal Dr. Michael Malin, scienziato specialista nella costruzione di apparecchiature innovative per l'analisi fotografica, e dal fisico Dr. Neil Davis. Nessuno dei risultati ottenuti dalle ricerche di queste tre studiosi dimostrò la falsità delle prove fotografiche. Anzi, come scienziati rimasero incredibilmente colpiti in positivo dai risultati ottenuti.
Meier possiede dei metalli fusi che ha fatto analizzare da Dr. Edwin Walker. Dall’analisi è emerso che il metallo risulta fuso a freddo, modalità che allo stato attuale delle conoscenze tecnico-meccaniche è impossibile effettuare.
Mi fermo qui con la recensione del libro e con la descrizione degli avvenimenti, c’è moltissimo altro da dire e non voglio rovinarvi il gusto della lettura.

Personalmente pur essendo ancorato a una visione razionale e tangibile dell’ufologia, e non amando particolarmente i voli di fantasia, credo nella genuinità di quello che vive e descrive Meier. A farmi sbilanciare così tanto a favore di un esperienza cosi estrema e difficile da credere, è proprio la serietà della persona, il contesto distante da logiche economiche e di guadagno, l’ enorme quantità e “qualità” delle prove prodotte a favore del fenomeno. Mi ripeto, credo che la figura di Meier sia di primo livello, paragonabile per fenomenologia e spessore, ma non per contenuto del messaggio proposto all’umanità, al solo Adamski. Riguardo al contenuto del messaggio non vi svelo nulla, sappiate solo che è di una modernità e saggezza estrema, e ha il pregio di non sconfinare mai in errori o tranelli dogmatici.

Nel libro vengono concentrate tante altre informazioni in modo lineare e particolareggiato, cosa che comunque non pregiudica la scorrevolezza della lettura, che alla fine risulta piacevole e per nulla faticosa. Le prove fotografiche sono ben curate ed impaginate e il che rende giustizia all'estrema bellezza delle stesse.

Per acquistare il fotoalbum è necessario contattare la FIGU Italia http://it.figu.org/index.php?option=com_content&task=view&id=133&Itemid=47
utilizzando il form nella sezione contatti indicando il proprio nome, cognome e indirizzo email nonché, nella casella del messaggio, l'intenzione di acquisto del libro.
I metodi di pagamento disponibili attualmente sono due: Paypal e Bonifico Bancario. Il costo del libro è di 35,00 €.



© Carmine Crocco
12 Agosto 2009

Read more...

Block Island


Opportunity.
Il MER-B ha avvistato una roccia scura irregolare, grande circa 60 centimetri. Modificata la rotta e percorsi i 250 metri che lo separavano dalla roccia, da un esame più attento, "Block Island", così è stata chiamata, risulta essere un meteorite. Il team di Opportunity ha analizzato i dati raccolti con l’Alpha Particle X-ray Spectrometer per verificarne la composizione che è risultata di ferro e nickel, esattamente quella dei più classici dei meteoriti.
Durante il Sol 1967 (5 agosto) i pannelli di Opportunity hanno generato 491 Wh, l’opacità atmosferica era di 0,547 (il 54,7% della luce era fermata dall’atmosfera) ed il fattore polvere era di 0,586 (il 58,6% della luce superava la polvere sui pannelli). Il contachilometri del rover segnava 17'226,29 metri.

Spirit.
Continuano i test per liberare il MER-A dalla trappola di sabbia in cui si trova. Una riunione eseguita il 6 agosto ha deciso di proseguire con i test sul simulacro a Terra prima di inviare i comandi per tentare l’operazione “Free Spirit”. L’ampia potenza disponibile da parte del rover, a causa della pulitura dei pannelli effettuata dai venti marziani, permette di affrontare senza urgenza il problema, dato che si ha tutto il tempo e l’energia necessarie per portare Spirit in un luogo sicuro prima del rigido inverno.
Durante il Sol 1988 (6 agosto) i pannelli di Spirit hanno generato 907 Wh, l’opacità atmosferica era di 0,330 ed il fattore polvere era di 0,821. Il contachilometri del rover è ormai fermo da mesi a 7'729,93 metri.


Fonte: JPL.

Read more...

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio (è consentita la libera pubblicazione attraverso la rete internet, a titolo gratuito, di immagini e musiche a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico e solo nel caso in cui tale utilizzo non sia a scopo di lucro). L’autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.

Copyright

Creative Commons License
UfologiaOggi by Carmine Crocco is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License.
Based on a work at ufologiaoggi.blogspot.com.
Permissions beyond the scope of this license may be available at http://ufologiaoggi.blogspot.com/. Si è liberi di riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico, esporre in pubblico, rappresentare, eseguire e recitare quest'opera. Non si può usare quest'opera per fini commerciali. Non è permesso di alterare o trasformare quest'opera, ne' usarla per crearne un'altra. Ogni volta che si usa o distribuisce quest'opera, si deve farlo secondo i termini di questa licenza, che va comunicata con chiarezza. In ogni caso, si può concordare col titolare dei diritti per gli utilizzi di quest'opera non consentiti da questa licenza. Questa licenza lascia impregiudicati i diritti morali.

Statistiche

  © Blogger templates The Professional Template by Ourblogtemplates.com 2008

Back to TOP